Ho fame : Pensionata chiama i poliziotti che arrivano e le preparano ...Alberto Zangrillo : Il coronavirus non esiste piùA Striscia la notizia Eleonora sei normale di Igor NogarottoLa piccola Evelyn scomparsa durante una passeggiata : Salvata dal ...Zinco: proprietà e benefici per la salute Addio l'autocertificazione : Da Mercoledì 3 giugno via libera agli ...Migliaia Gilet Arancioni nelle piazze: Vogliamo un governo votato dal ...Belen Rodriguez dolcissima e al naturale nel scatto con il neonatoAll'ultimo cinguettio... Trump contro Twitter, chi vincerà?Lady Gaga in lacrime per l'uscita del nuovo albumGTA Online: tributo alla Weeny IssiRiapertura regioni, Zaia dice si ai lombardi: “nessuno può uscirne ...Arkane Studios celebra il ventennale con il download gratuito di Arx ...Afroamericano George Floyd ucciso: violenti scontri a Minneapolis, un ...Cane chiuso da giorni in una cantina di Torino salvato dai vigili
di

Coronavirus: ancora molti i decessi, ma rallentano i contagi

Coronavirus: ancora molti i decessi, ma rallentano i contagi
Nel bollettino del 2 aprile, il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ha fatto il punto ...
Coronavirus: ancora molti i decessi, ma rallentano i contagi

Coronavirus: ancora molti i decessi, ma rallentano i contagi

Nel bollettino del 2 aprile, il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, ha fatto il punto sull'emergenza del coronavirus in Italia. Le informazioni sono state confrontate durante la conferenza stampa delle 18:00 presso la sede della Protezione civile. Il totale positivo dall'inizio dell'emergenza è 83049, con un aumento di 2477 pazienti rispetto a ieri (1 aprile). 4053 sono pazienti ricoverati in terapia intensiva, 28540 ricoverati in altri reparti, mentre 50456 sono in isolamento a casa senza sintomi o con sintomi lievi.

Quest'ultima cifra è cresciuta e quindi mostra la diminuzione in 19 pazienti ricoverati in ospedale a Covid. Il numero dei defunti rimane stabile: oggi 760. Quelli recuperati ieri sono cresciuti di 1.431 unità, un numero che, con tutte le precauzioni necessarie, consola perché è il doppio del numero dei defunti. Una delle cifre più alte da quando l'Italia è entrata in un'emergenza. Sono stati inoltre rilasciati i dati della Lazio. Sono stati registrati nuovi casi: 169, di cui 55 nella città di Roma, dato che ammonta a 124 in tutta la provincia. Nelle altre province, tuttavia, ci sono 10 casi a Frosinone e Viterbo, 6 nella provincia di Latina e 19 in quella di Rieti. Nella capitale, 2309 persone hanno abbandonato l'isolamento a casa, mentre ci sono due morti, un uomo di 75 anni e un uomo di 90 anni con malattie preesistenti.

A Latina è morta una donna di 83 anni di Fondi. È attivo il laboratorio per il test Covid-19 a Viterbo, situato sotto l'isolamento di Villa Immacolata, dove una persona è risultata positiva. Oggi non ci sono stati morti in Tuscia. A Rieti, le 19 nuove infezioni sono correlate a gruppi già noti: tre morti, due donne di 89 e 91 anni e un uomo di 68 anni, tutte con patologie preesistenti. A Frosinone, un uomo di 80 anni è morto con patologie precedenti.

La notte del 1 aprile, il Primo Ministro Giuseppe Conte è intervenuto per spiegare le notizie di Dpcm. “Non siamo in grado di alleviare le misure restrittive che abbiamo implementato. Non siamo in grado di alleviare l'inconveniente e salvare i sacrifici a cui è soggetto ", ha annunciato, spiegando che le misure per contenere il contagio epidemiologico di Covid-19 sono state prorogate fino al 13 aprile 2020." Il nostro Paese sta attraversando la fase acuta dell'emergenza, ha affermato il Primo Ministro. Abbiamo superato 13.155 morti. Questa è una ferita che ci fa particolarmente male, una ferita che non potremo mai guarire ".

“Siamo sempre in stretto contatto con gli esperti del Comitato tecnico-scientifico, riferisce Conte, che ci rappresentano che stiamo iniziando a vedere gli effetti positivi delle misure restrittive finora adottate. Ma, ripeto, non siamo ancora in grado di iniziare a prendere una prospettiva diversa. Se dovessimo allentare le misure restrittive, gli sforzi sarebbero vani. Personalmente, mi dispiace che cadano a Pasqua, una vacanza così cara a noi italiani ", ha detto. Conte, prefigurando "una fase 2, di graduale rilassamento e coesistenza con il virus. Poi ci sarà la fase 3, l'uscita di emergenza, la ricostruzione, il rilancio".

Il Primo Ministro spiega che “lo sforzo che stiamo facendo ci consentirà di valutare una prospettiva. Nel momento in cui il comitato di esperti ci consente, inizieremo con il rilassamento delle misure. Non posso dirti se sarà dal 14 aprile, non sono ancora in grado di farlo. "Conte ha negato che un'estensione è stata decisa fino al 3 maggio." Tuttavia, dobbiamo pianificare un ritorno alla normalità che dovrebbe essere fatto. gradualmente e dovrebbe consentire a tutti, in prospettiva, di tornare a lavorare in sicurezza ".

Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Coronavirus
Scritto da Francesco Oliva
zazoom
- 5 5 5
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàCoronavirusancoramoltidecessi Di' la tua e commenta questo post!