Matteo Salvini attacca l’Unione Europea: Non serve a niente!Coronavirus : i pescherecci donano il pesce alle famiglie povereLa gaffe di Paola Taverna: Tagliamoci lo stipendio... ma web la ...Joe Biden contro Donald Trump : Bernie Sanders si è ritirato dalle ...Il dolore di Tiberio Timperi : Ho perso un amico per il coronavirusCoronavirus, è morto il cantante americano John Prine : Aveva ...Coronavirus : Più controlli su strade in weekend PasquaGf Vip: cosa è successo tra Antonella e Patrick?Papa Francesco avverte : Populismi come nel 1933 con HitlerFurgone cade giù : A Massa-Carrara crolla il ponte che collega Santo ...Finale GFVip 2020, al vincitore un premio di 100 mila euroPozzuoli, accoltella a morte il fratello e chiama la poliziaMeteo Pasqua, arrivano temperature quasi estiveCoronavirus: morto il mezzofondista Donato Sabia, è stato 2 volte ...Dayane Mello ferma in Turchia: Sono intrappolata qui, non posso ...
di

Il Coronavirus non rallenta il terrorismo jihadista nigeriano

Il Coronavirus non rallenta il terrorismo jihadista nigeriano
Nonostante il grande impegno internazionale dedicato alla gestione della furia nevrotica del gruppo ...
Il Coronavirus non rallenta il terrorismo jihadista nigeriano

Il Coronavirus non rallenta il terrorismo jihadista nigeriano
Nonostante il grande impegno internazionale dedicato alla gestione della furia nevrotica del gruppo jihadista nigeriano, Boko Haram, le azioni terroristiche nell'area non tendono a diminuire. Nel nord del Camerun, negli ultimi mesi, centinaia di famiglie che vivevano al confine con la Nigeria hanno dovuto abbandonare i loro villaggi, tra cui Akhada, Mandaka, Koza, Hidoua, a causa delle azioni violente di gruppi armati legati al terrorismo nigeriano, per prendere rifugio in più aree interne. Ma limitare la lettura di ciò che accade a azioni terroristiche banali, anche se drammatiche, limita la comprensione della complessa situazione di instabilità sociale che il Camerun sta vivendo da alcuni anni.

Un'indagine illuminante, rivelata anche dal quotidiano francese Le Monde, resa nota con grande "sofferenza" dal governo, che rivela il coinvolgimento di membri dell'esercito camerunese, in sommarie sentenze a danno di compatrioti accusati di collaborare con gruppi jihadisti legati a la rete Boko Haram (BH). Nel 2015 alcuni soldati dell'esercito regolare del Camerun hanno ucciso alcune ragazze e i loro bambini perché sospettati di favorire, anche con azioni di spionaggio, i jihadisti di Boko Haram. Le ragazze con i loro figli erano state lasciate in quella zona, secondo i militari dopo un conflitto tra governo e terroristi, e poi accusate di raccogliere informazioni sulla popolazione, rivelate poi ai miliziani di Boko Haram. Le donne non hanno avuto il tempo di giustificarsi, perché sono state bendate e uccise, insieme ai loro figli, da tre soldati camerunesi che applicano palesemente il ruolo auto attribuito dei "carnefici", con freddezza e lucidità apparente. Queste immagini pubblicate "scrupolosamente" tre anni dopo su Internet, hanno suscitato indignazione a livello internazionale, rivelando il complesso scenario che ormai difficilmente distingue chi è dalla parte del governo normale e chi fa terrorismo.

***L'area settentrionale del Camerun è considerata un'area sicura e di approvvigionamento per i leader del gruppo jihadista salafita; Il Camerun, dopo la Nigeria, è diventato uno stato soggetto ad attacchi terroristici "BH". Paul Biya, ex presidente del Camerun, nel maggio 2014, durante una visita ufficiale a Parigi, ha dichiarato che avrebbe usato qualsiasi mezzo per schiacciare qualsiasi azione terroristica di Boko Haram sul territorio nazionale; in risposta qualche tempo dopo, Abubakar Shekau, violento ed eccentrico leader del gruppo Boko Haram, dichiarò che avrebbe creato in Camerun ciò che esiste nel nord della Nigeria, cioè un "campo" di violenza, omicidi, rapimenti e distruzione, fuori da controllo della polizia nazionale.

Questa minaccia ha portato il governo del Camerun a organizzare una difesa militare fatta da gruppi antiterrorismo con elevate qualità di ispezione e di intervento rapido; tutto questo enorme dispiegamento di energie e forze militari, compresi i mercenari, è sotto la supervisione di ex soldati israeliani. Tuttavia, nonostante il grande sforzo, volto a contenere gli attacchi di "BH", che è spesso supportato dagli ex jihadisti dell'ISIS, è estremamente difficile e ingombrante. Come accade in tutta l'area del Sahara-Sahel, attori eterogenei compaiono negli scenari indefiniti del campo di battaglia, sia nell'affiliazione nazionale, negli armamenti, sia nel quadro militare; oltre agli israeliani di cui sopra, ci sono anche mercenari occidentali e africani, nonché i "gruppi di autodifesa civili" sempre più diffusi. Gli armamenti vanno da dispositivi artigianali e frecce avvelenate, a sofisticate armi e droni armati noti per essere utilizzati dai jihadisti.
Zazoom Tv - Live Video Breaking News
Segui gli aggiornamenti e vedi gli ultimi video su : Boko Haram
Scritto da Vito Manzione
zazoom
- 4 5 4
© Articolo pubblicato secondo le condizioni dell' Autore - Immagini e foto presenti sono a scopo esemplificatico
Cerca Tags : AttualitàBoko HaramCoronavirusrallentaterrorismo Di' la tua e commenta questo post!